LE EMOZIONI DELLE FINAL FOUR DEL FUTSAL REGIONALE

592 visualizzazioni

Si sono svolte a Passo Corese, nel weekend del 6 e 7 gennaio 2018 le Final Four di Coppa Lazio 2017/2018 categoria Maschile e Femminile Regionale di calcio a 5.
Abbiamo raccolto qualche emozione dai partecipanti

Luca PAVERANI ha arbitrato la semifinale tra Ecocity Cisterna e lo Juvenia SSD, incontro rimasto sempre in bilico e ricco di emozioni, condito da 13 gol e da tantissime occasioni da rete. Queste le parole di Luca a caldo, subito dopo la gara: “Ci tenevo a ringraziare Catello Abagnale, Giancarlo Lombardi e Pietro Taranto, che hanno creduto in me dandomi questa opportunità. Mi hanno sempre regalato consigli preziosi. Un grazie speciale va ai Marco e Matteo, con cui ho avuto l’onore di arbitrare questa gara, e a tutta la mia sezione, che mi ha sempre fatto sentire a casa ed è venuta a sostenermi sugli spalti. Questo, come ci è stato giustamente detto negli spogliatoi, non è assolutamente un punto d’arrivo, bensì un punto di partenza per continuare a crescere e togliersi soddisfazioni come questa. So che già dalla prossima gara mi impegnerò per migliorare quegli aspetti che non mi hanno soddisfatto sabato, facendo tesoro delle parole di chi era lì per noi. ”

MICHELE ROMEO ha arbitrato la finale femminile dove il Real Praeneste ha avuto la meglio sulla Roma Calcio Femminile, al termine di un match divertente e tutto da vivere. Di seguito qualche pensiero di Michele: “Essere tra i migliori del Lazio non è per niente facile e aspettarsi una partita di questo calibro mi faceva tanto sperare. Quest’anno ho iniziato con tanto impegno e sacrifici e non nascondo che il giorno della designazione è stato un momento unico. Questa esperienza è iniziata nel momento della designazione. Giorno dopo giorno anche solo per un attimo il mio pensiero veniva rivolto alla gara. Gioia, tensione e responsabilità erano le principali emozioni che avvertivo  ma che poi al ieri triplice fischio si sono tramutati in felicità! Per me il momento del fischio finale è stato il momento che non potrò mai dimenticare perché ho potuto dimostrare quello che per anni ho fatto con il cuore. Non mi piace tanto fare progetti. Mi piace godermi il presente e vivere giorno dopo giorno. La crescita è fondamentale per questa disciplina e anche se vorrei tanto poter passare in altri palcoscenici rimango fedele al fatto che la giusta esperienza porta a grandi risultati. Sicuramente so bene su quali aspetti lavorare e mi piace pensare che un giorno tutti questi sacrifici potranno essere ripagati con altre importanti designazioni. ”

FRANCESCO PAVIA che con Federica Pellegrini di Frosinone ha arbitrata la gara con Michele, dichiara: “Per la terna la prima vittoria è avvenuta con la designazione giunta per mail durante le feste natalizie. Con la buona notizia è iniziato il Count Down per la preparazione della gara.Per fortuna nella fase di preparazione e attesa della gara non ci siamo mai sentiti soli. Numerose e di conforto sono state le telefonate tra noi colleghi designati, ma soprattutto si è fatta sentire la vicinanza degli Organi Tecnici che ci ha permesso di arrivare al giorno della gara con la giusto grado di serenità e felicitazione. Obiettivo della terna era quello di entrare in campo concentrati, divertirsi ed essere consapevoli delle mansioni e competenze di ciascuno: la vittoria gara doveva essere di tutti. L’ingresso in campo con la presentazione di rito e sentire l’Inno d’Italia davanti al pubblico del Pala Sabina è stata un’emozione unica. La tensione pre-gara era alta e continuava a salire. Poi il fischio d’inizio di Michele Romeo (AR 1) la concentrazione, la determinazione, la passione e la voglia di divertirsi hanno preso il sopravvento e la gara all’improvviso è sembrata in discesa. Il match è stato combattuto ed alla fine il Real Praenestre ha sopraffatto la Roma Calcio a 5 per 2 a 1. Al termine della gara ci siamo resi conto di aver fatto un’ottima prestazione e la conferma di componenti (Catello Abagnale, Giancarlo Lombardi, Pietro Taranto), dell’osservatore (Mario Filippini, per qualcuno anche “Mentor”) e dei presidenti di Sezione non si sono fatti attendere. È stato molto gratificante ricevere la targa dai propri OT che si complimentavano per la gestione della gara. È stata un’esperienza che porteremo per sempre nella memoria e ci auguriamo di poter migliorare le nostre capacità arbitrali al fine di poter meritare in futuro altri grandi risultati”.

GIUSEPPE LAMORGESE ha arbitrato la finalissima maschile tra Ecocity Cisterna e United Aprilia dove quest’ultima fa suo il derby pontino e succede alla Virtus Aniene nell’albo d’oro della manifestazione. Gara dai ritmi altissimi e ricca di emozioni in campo e sugli spalti. Al termine di una partita tesa e vissuta sul filo del rasoio fino alla fine abbiamo raccolto qualche pensiero di Giuseppe:  “È stata una grande emozione ricevere la designazione per la finale, non me lo aspettavo ma lo desideravo tanto. Ho cercato da inizio stagione di dare il massimo e ottenere grandi risultati e spero di aver ripagato la fiducia dei miei organi tecnici. È stata una emozione unica abbiamo preparato tutti e 3 la gara sin dai primi giorni della designazione, eravamo carichi ma allo stesso tempo anche un po’ in tensione.. dopo il fischio iniziale però eravamo proiettati solo sulla gara e concentrati a dare il massimo. Ringrazio chi mi è stato vicino con messaggi e telefonate, chi mi ha dato preziosi consigli e chi è venuto a vedere la gara. Sono contento delle belle parole ricevute da tutti a fine gara; spero di continuare alla grande il mio cammino, continuare a crescere nel mio arbitraggio e chissà un giorno ambire ad altri traguardi di prestigio. Ringrazio tutta la mia sezione e in particolare il Presidente C.R.A. Luca Palanca per la sua presenza e suo il bellissimo discorso fatto nello spogliatoio.”

PIERPAOLO CALENZO  un giorno speciale tanto desiderato in cui si respira un’atmosfera particolare. E’ stato davvero un onore essere osservato e supportato da cosi tanti dirigenti presidenti e colleghi dell’AIA, tutti a fare il tifo per noi, per non parlare da chi ci ha osservato da casa via web. Sapere di avere cosi tanto affetto alle “spalle” mi ha dato la carica e la possibilità di poter dimostrare e mettere in pratica quanto appreso in questi anni dagli insegnamenti dei miei OT, persone speciali che nonostante abbiamo operato ed arbitrato con l’AIA a livelli massimi in CAN5 da tanti anni, mostrano lo stesso entusiasmo e la stessa passione, nello svolgere il proprio ruolo, di un bambino che mangia la cioccolata! Infine è stata la finale che desideravo “tosta e cruda”, peccato solo per qualche scaramuccia a fine gara che però non ha rovinato la FESTA. Grazie a tutti per darmi la possibilità di far parte di un mondo di persone belle come voi!”.

Presenti in tribuna, a portare il proprio tifo e incoraggiamento a Luca, Michele e Giuseppe il Presidente di Roma 2 Massimo Ubertini e il Vicep Presidente Daniele Di Resta, oltre a tanti associati che non si sono fatti sfuggire l’occasione di assistere a questi due giorni di calcio a 5.
Dopo la gara i responsabili del CRA Lazio per il calcio a 5 Catello Abagnale, Giancarlo Lombardi e Pietro Taranto, insieme con il presidente C.R.A. Luca Palanca, hanno premiato i colleghi con una targa celebrativa, che sarà per i nostri colleghi e amici un bellissimo ricordo da mettere in bacheca e che assoceranno sempre ad una indimenticabile esperienza.

Di seguito alcune foto delle fasi finali:

TEAM 1 SEMIFINALE FEMMINILE
Vizzaccaro Gianluca (Cassino) – Sessa Pietro ( Ciampino) – Teofili Simone (Roma 1)

TEAM 2 SEMIFINALE FEMMINILE
Rotondo Riccardo (Roma 1) – De Simoni Micol (Latina) – Perrino Daniele (Albano Laziale)

TEAM 1 SEMIFINALE MASCHILE
Adriani Simone (Viterbo) – Mitri Diego Loris (Albano Laziale) – Ramieri Pasquale (Frosinone)

TEAM 2 SEMIFINALE MASCHILE
Paverani Luca (Roma 2) – Aiello Marco (Latina) – Pieralisi Matteo (Aprilia)

FINALE FEMMINILE
Romeo Michele (Roma 2) – Pavia Francesco (Ostia Lido) – Pellegrini Federica (Frosinone)

FINALE MASCHILE
Lamorgese Giuseppe (Roma 2) – Bucci Biagio (Roma 1) – Calenzo Pierpaolo (Formia)

Commenti chiusi